Musica e Teatro - Magazine dedicato allo spettacolo by Spaghettitaliani.com

NEWS DALL'ITALIA


luglio 2005

 

presenta

 

ARDECORE

 

 

PREZZO CD: 8 EURO

DISTRIBUZIONE: LIBRERIE del circuito FELTRINELLI e IL LIBRACCIO, punti vendita della catena RICORDI MEDIA STORES e MELBOOKSTORE, presso i NEGOZI DI DISCHI.
 

Ardecore è lo straordinario progetto nato da un’idea del cantautore folk blues Giampaolo Felici insieme alla band Zu e al cantante chitarrista Geoff Farina, leader degli stutintensi Karate.

Questo importante esordio è pubblicato da Il Manifesto cd.

Ardecore rappresenta il bisogno di ricollocare la musica romana in un contesto più ampio di quello in cui è stata relegata nell'ultimo scorcio di storia. Le particolarità della sua struttura negli arrangiamenti, come nei testi, la rendono unica e il bisogno di darle nuova visibilità è la scintilla che ha "riacceso il cuore" verso i suoni e le storie di Roma. Di fatto l'idea del progetto nasce nella primavera del 2002 durante il tour europeo dei Karate con Zu e Blind Loving Power a fare da apertura. I concerti, estremamente vari come proposta (dal black gospel malato del "one man band", al post punk jazz del trio romano, fino al morbido post rock con venature soul dei tre di Boston), venivano aperti e chiusi da vecchi dischi di musica romana depistando piacevolmente ancora di più il pubblico. In più di un' occasione tra i brani blues gospel di B.L.P. si faceva spazio qualche stornello "maledetto”.

Da qui l’idea di registrare i brani più scuri della tradizione popolare romana e raccoglierli in un progetto che li esaltasse, proponendoli all’ascolto anche di chi in genere non ha affinità con le sonorità folk. Alla fine del tour Geoff Farina propone di rivedersi di lì a breve per registrare, in verità passeranno due anni prima che il tutto si concretizzi realmente. In quel periodo sia Karate che Zu continuano la loro attività live e discografica mentre B.L.P., dopo un breve tour in Belgio da solo, rallenta la sua attività live per dedicarsi all’apertura di uno spazio che coinvolga i musicisti da tutto il mondo con quelli romani. Nasce dunque l’Init di Roma. L’inaugurazione dello spazio è affidata ai tre progetti che si riuniscono per l’occasione, la stagione successiva riunirà ancora i musicisti, ma questa volta per iniziare le registrazioni di Ardecore, avvalendosi anche dell’aiuto di Luca Venitucci alla fisarmonica e Valerio Borgianelli al vibrafono.


IL CD

I vecchi brani che sono proposti su questo disco sono stati rielaborati in maniera tale da non stravolgere le partiture originali, ma la inevitabile rilettura ne evidenzia alcune particolarità nelle soluzioni stilistiche che lo rendono incredibilmente originale nonostante si tratti di brani di minimo 80 anni di età se non di 300 , come nel caso del capitolo d'apertura del disco "come te posso amà". A dispetto dell'evidente impatto dinamico delle 9+1 tracce , il disco è interamente acustico, se si eccettua la chitarra elettrica di Geoff Farina, quasi a rimarcare la sua provenienza lontana dalle mura capitoline, ma che non ha potuto dimenticare i natali della sua famiglia di provenienza abbruzzese.

Il disco si divide in tre capitoli di tre episodi ciascuno, richiamando alla memoria le tavole dei cantastorie, veri padri della canzone italiana. Nel primo capitolo l'ambientazione è quella del carcere, della malavita, dell' amore, del dramma della morte, della strada verso l'amore divino. Nel secondo la morte sale in cattedra ed il tevere diventa lo scenario della sua azione drammatica. Il terzo trittico è dedicato alla "serenata", fiore all'occhiello della musica romana, albore della melodia italiana più pura, quella che non teme il confronto con il tempo.

L'estremo senso di inquietudine che si respira tra i nove capitoli è ancor più inspessito dagli arrangiamenti radicali voluti dai 7 musicisti, sviluppatosi intorno al motore roboante degli Zu, che non lascia spazio a ripensamenti, ma che sa sottrarsi alla ribalta, lasciando che le melodie risultino intatte.La chitarra di Farina è un contrappunto costante a tutta l'opera, come anche il lavoro fondamentale della fisarmonica di Venitucci, ben coadiuvato dall'apporto armonico di Borgianelli al vibrafono. Il resto, per cosi dire, lo fanno le canzoni, perle intoccabili, come gli autori le avevano amate e concepite . Ridestate dal loro sonno si ritrovano ancora piu' belle - e rifiutando i paragoni ci chiamano dal profondo come un coro lontano che intona: "vecchia Roma ........."

 

Ardecore

il manifesto/2005

 

come te posso amà (canto del carcerato)

la madonna dell'urione

madonna dell'angeli

lupo de fiume

la popolana

barcarolo romano

l'eco der core

fiore de gioventù (orig. "tango romano")

serenata de paradiso

 

FORMAZIONE

Giampaolo Felici - mandolino, chitarra acustica, voce
Geoff Farina - chitarra elettrica
Massimo Pupillo - contrabbasso
Luca Mai - sax
Jacopo Battaglia - batteria, percussioni, chitarra acustica
Luca Venitucci - fisarmonica e fender rhodes
Valerio Borgianelli - vibrafono, glockenspiel, percussioni

 

Giampaolo Felici. in solo come Blind Loving Power suona dirty-gospel con voce, chitarra, e un vano doccia sotto i piedi....

Geoff Farina. autore-chitarrista-cantante della band statunitense Karate, uno dei gruppi post-rock più amati in Italia ed Europa.

Luca Mai, Massimo Pupillo e Jacopo Battaglia sono i tre Zu: 8 cd all' attivo, piu' di 500 concerti in tutto il mondo.

Luca Venitucci. conosciuto jazzista ed improvvisatore. Ha suonato al fianco di Lou Reed con l'ensemble di Berlino Zeitkratzer.

Valerio Borgianelli. attivo nella musica contemporanea, e' stato invitato da Steve Reich alla Columbia University di New York.

 

LA STORIA

Ardecore nasce spontaneamenta dal bisogno di ricollocare la musica romana in un contesto più ampio di quello in cui è stata relegata nell'ultimo scorcio di storia musicale. Le particolarità della sua struttura, nei suoi arrangiamenti come nei suoi testi la rendono unica ed era impossibile non accorgersi di questo senza tentare di porvi rimedio. Questo bisogno è stato principalmente la scintilla che ha "riacceso il cuore" verso i suoni e le storie di Roma. Di fatto l'idea del progetto nasce nella primavera del 2002 nel corso del tour europeo dei Karate
e Zu , con Blind Loving Power a fare da apertura. I concerti, estremamente vari come proposta (dal black gospel malato del "one man band", al post punk jazz del trio romano fino al morbido post rock con venature soul dei tre di Boston), venivano aperti e chiusi da vecchi dischi di musica romana depistando piacevolmente ancora di più il pubblico. In più di un' occasione tra i brani blues gospel di B.L.P. si faceva spazio qualche stornello "maledetto"... quindi l'idea di registrare i brani più scuri della discografia romana raccolti in un progetto che li
esalti, proponendoli all'ascolto anche di chi in genere non ha affinità con le sonorità folk. Alla fine del tour Geoff Farina propone di rivedersi di li a breve per registrare, ma passeranno ancora due anni prima della prima prova registrata. In quel periodo sia karate che zu continuano la loro attività live e discografica mentre Blind Loving Power dopo un breve tour solista in Belgio , rallenta la sua attività live per dedicarsi all'apertura di uno spazio che coinvolga i musicisti da tutto il mondo con quelli romani, nasce dunque l'Init di Roma. L'inaugurazione dello spazio è affidata ai tre progetti che si riuniscono per l'occasione, la stagione successiva riunirà ancora i musicisti, ma questa volta per iniziare le registrazioni di Ardecore, avvalendosi anche dell'aiuto di Luca Venitucci alla fisarmonica e Valerio Borgianelli al vibrafono.

 

Bio Zu

Zu e' la band italiana piu' attiva all' estero, con piu' di 500 concerti e tour in Usa, Europa, Europa dell' Est, Russia, ed ora inviti in Giappone, Corea ed Australia.

Anche dal punto di vista discografico i loro dischi sono usciti finora su etichette statunitensi, francesi, olandesi, ed italiane.

Nel 2004 Zu e' nella top 10 dei dischi dell' anno del Village Voice di New York con il cd "Radiale", pubblicato dalla Atavistic di Chicago, con distribuzione mondiale Touch and Go . Atavistic e' l' etichetta statunitense di riferimento nel rock e jazz d'avanguardia, con pubblicazioni di Glenn Branca, Swans, Lydia Lunch, Lee Ranaldo, e molti altri. Per la prima volta una formazione europea viene pubblicata sul loro catalogo, ed è in uscita un secondo album per loro!

Registrato a Chicago (come il precedente "Igneo" ), con la produzione di Bob Weston ( un altro Shellac dopo Steve Albini , il produttore di Nirvana, PJ Harvey, Pixies, etc..), "Radiale" vede la collabrazione dei pesi massimi della scena di Chicago: Ken Vandermark al sax, assieme ad Hamid Drake alla batteria (il batterista di Bill Laswell , Don Cherry, Herbie Hancock, Pharoah Sanders, e molti altri! ) , e Nate Mc Bride al basso, ed e' stato registrato a settembre 2003, all inizio di un mese di tour statunitense con i terroristi dell' hip-hop newyorkese , Dalek. Con i Dalek e' nata anche una registrazione che verra' pubblicata molto presto.

Un lato importante degli Zu e' l' interesse e la totale apertura ad incontri e collaborazioni continue -sia come gruppo che per i singoli elementi - con altri gruppi e musicisti - con collaborazioni continue con The Ex , Dalek, Fantomas, Karate, Mats Gustafsson, Eugene Chadbourne, Nomeansno, Ruins, Amy Denio, Ken Vandermark, Damo Suzuki , Otomo Yoshihide, Han Bennink & ICP Orchestra, Guy Picciotto dei Fugazi, Jim O' Rourke e Thurston Moore dei Sonic Youth, Dj Olive, Peter Brotzmann, Michael Vatcher, Michael Zerang, Lukas Ligeti, Gianni Gebbia, Alvin Curran, Nobukazu Takemura, Fred Lonberg- Holm, etc ...

Zu fa musica strumentale con soli sax , basso e batteria. Alcuni la chiamano freejazz, no-wave, o post-tutto . Per gli Zu e' soul music.
 

Altri progetti :

Luca suona dal vivo con la band di Boston Karate ed appare sul loro cd live.

Jacopo e' il nuovo batterista degli Hanson Brothers, formazione parallela dei canadesi Nomeansno.

Massimo suona anche con la band anarco-punk olandese The Ex , con i Dogon, con un trio con Gianni Gebbia e Lukas Ligeti , con Dj Olive, con Han Bennink, e con "Original Silence",una nuova formazione con Terrie Ex , Mats Gustafsonn , Paal Nilssen Love, Thurston Moore e Jim O' Rourke dei Sonic Youth.

L' orchestra MegaZu ha debuttato al Festival Belluard di Fribourg. MegaZu ha al suo interno Andy Ex, Gianni Gebbia , Mats Gustafsson, Dj Okapi, Lotta Melin...

 

Discografia:

Bromio ( Wide- Southern records 1999 )

The Zu Side Of The Chadbourne ( Felmay 2000) , con Eugene Chadbourne. (nella classifica Jazz delle radio USA del mensile Jazziz ! )

Motorhellington ( Felmay 2001) , con Eugene Chadbourne.

Igneo re-issue: Frenetic records, Usa 2005 + remixes by Dalek, Andy Ex, Dj Olive, Giuseppe Ielasi ( originariamente, 2002, Wide, Red Note, Wallace rec.)

Live In Helsinki 2003 cd , Tang Plastik / Goodfellas - cd dal vivo

Radiale 2004 cd , Atavistic / Touch and Go

The Way Of The Animal Powers 2005 - con Fred Lonberg-Holm al violoncello - Xeng records

Zu vs Dalek - split 7" - Wallace records- Topolin Edizioni

"How To Raise An Ox" con Mats Gustafsson al sax, uscita prevista ad Ottobre 2005 per Atavistic / Touch and Go

 

International Festivals:

Moers ( D), Ertz ( Sp), Unlimited XV ( Austria ).. Rumor ( NL ) ... Alternativa (Czech)... No-Fi ( UK ) Zedno Uho (Croatia)... Vimmel 02 ( Sweden)... Skrite note ( Slovenja)...Audio Art Festival ( Poland)... SKIF (St Petersburg, Russia)... DOM ( Moscow, Russia), Belluard, (CH) , Musique Actuelle ( France ), Bad Bonn Kilbi ( CH ), Beta Festival ( France )... Vooruit (Belgium) ... Kortrjk ( Belgium)... State X New Forms ( NL), Dour ( Belgium) , RingRing (Yugoslavia), Recyclart (Belgium) , Musica 90 ( Italy), Arezzo Wave ( Italy) , Tora Tora ( Italy), Graz '03 ( Austria ) ... Ljubliana Jazz ( Slovenia)...Six day sonic madness ( Italy)... etc...

Zu:

Luca Tommaso Mai, sax alto & baritono

Jacopo Battaglia, batteria

Massimo Pupillo, basso

 

Ideato e realizzato da Luigi Farina ( LuigiFarina@musicaeteatro.com )

ottimizzato per 1024x768 pixel

Musica e Teatro

Magazine dedicato allo spettacolo

Redazione musica: musica@musicaeteatro.com

segnalato da Spaghetti Italiani - Portale di Gastronomia