Utenti attivi nel Network di spaghettitaliani: 3.631

pagina per la stampa

Mostre e Presentazioni

Condividi

inserito da:

Renato Aiello

Protagonista

renatoaiello

Data evento: dal 24-09-2022 al 27-12-2022
David Tremlett con 2019 2020 2021 lavori su carta alla Galleria Studio G7

Studio G7 inaugura la nuova stagione espositiva ospitando nei propri spazi la quarta mostra personale dell'artista inglese David Tremlett.

Dopo l'ultima esposizione del 2008 che aveva visto l'artista creare un grande wall drawing capace di coinvolgere e idealmente riunire tutte le pareti dello spazio espositivo, in questo nuovo progetto l'architettura della galleria si fa metafora del tempo.

In particolare, l'artista presenta opere inedite su carta realizzate tra il 2019 e il 2021. È proprio questo l'intervallo di tempo che vede il lavoro di Tremlett mutare, spostando il cosiddetto "spazio delle idee" dalla dimensione del viaggio a quella dello studio. Se prima infatti l'artista rintracciava nel mondo e nelle lunghe distanze nuove geometrie e architetture da formalizzare e presentare in spazi pubblici e privati, il nuovo modo di viaggiare ha visto lo studio d'artista e i luoghi d'Europa a Tremlett familiari diventare il centro del pensiero e del processo creativo.

Seguendo questo nuovo approccio al lavoro, la galleria verrà divisa in tre momenti, idealmente testimoni dei tre anni - 2019, 2020, 2021 - in cui l'artista ha dovuto allontanare la propria idea di viaggio dal processo creativo.
Le opere su carta sono il risultato di una riflessione che attinge dal passato e, consapevole del presente, rivolge lo sguardo al futuro.




David Tremlett (St. Austell, Cornovaglia, 1945) studia scultura al Royal College of Art di Londra. Alla fine degli anni '70, durante i viaggi in Australia, Africa, Iran, Afghanistan e India, entra in contatto con grandi superfici policrome coperte a mano mediante pigmenti; scopre così le polveri colorate, che risultano perfette per le sue esigenze di viaggiatore. Il piccolo formato caratteristico dei primi lavori viene sostituto da supporti di grande scala. Parallelamente alla grafite si affianca l'uso del colore, dal verde al marrone, fino a colori caldi e cangianti. A partire dagli anni '80 la pratica del wall drawing diventa progressivamente il principale mezzo espressivo dell'artista. Con il tempo questa tecnica si evolve, ampliando sia lo spettro dei colori sia i supporti su cui lavorare, in una pratica definita dallo stesso artista "scultorea", tesa alla definizione dello spazio e dell'intero volume. La stesura dei pigmenti attraverso l'uso delle mani nude avviene, oltre che sulle pareti degli spazi architettonici, sulla carta.
David Tremlett realizza wall drawings in tutto il mondo: si ricordano gli interventi presso la Cappella di Barolo, La Morra, insieme a Sol LeWitt; ambasciata britannica, Berlino; British Council, Nairobi; Chiesa di S. Pietro e S. Paolo, Villenauxe-la-Grande, Francia; Tate Britain e Bloomberg HQ, Londra; Sinagoga di Zamosc; Chiesa di Coazzolo, Asti; Cappella del Relais San Maurizio, Santo Stefano Belbo. L'artista partecipa a numerose mostre personali e collettive, in Italia e all'estero; tra gli spazi in cui espone si ricordano Museum of Modern Art, New York; Stedeljik Museum, Amsterdam; Centre Pompidou, Parigi; Juan Miro Foundation, Barcellona; alla Galleria Civica d'Arte Contemporanea, Trento; Musée de Grenoble, Francia; Centro d'Arte Contemporanea Pecci, Prato.

cs


evento segnalato su win.spaghettitaliani.com

SPAGHETTITALIANI SOCIAL NETWORK


Associazione Spaghettitaliani

La News che stai visualizzando contiene uno spazio interattivo dove, se vorrai, potrai aggiungere un tuo commento direttamente con il tuo account Facebook.
I commenti qui inseriti verranno automaticamente riportati nel tuo Diario.


News spaghettitaliani