Evento inserito il 10/07/2019 da Renato Aiello - Giornalista

Eventi segnalati
su Musica e Teatro

Mario Salieri, il maestro dell’hard si ispira a Eduardo per l’esordio nella commedia dell'arte, “I morti non fanno paura” è in concorso al Festival Nazionale del Cinema e della Televisione di Benevento BCT

immagine in primo piano

Per la prima volta un film diretto da un regista del genere adult è selezionato in concorso ufficiale ad un festival del cinema tradizionale. “I morti non fanno paura” (Italia, 42’), commedia diretta da Mario Salieri, è nella selezione “Greatest Indipendent” del Festival Nazionale del Cinema e della Televisione di Benevento, e verrà proiettata martedì 9 luglio alle ore 23 al Multisala Gaveli (Contrada Piano Cappelle, Benevento). L’opera è liberamente ispirata all’omonimo testo teatrale di Eduardo De Filippo di cui conserva tutte le caratteristiche della farsa macabra evidenziando alcuni aspetti grotteschi.



SINOSSI. Napoli nel 1969. Enrico Gargiulo, un commesso viaggiatore affittuario di una piccola stanza nell’umile casa dei coniugi Coppola, rientrato in anticipo da un viaggio di lavoro a Milano, entra a conoscenza che il signor Coppola è deceduto il giorno precedente al suo arrivo per causa di un infarto fulminante e che da poche ore si è svolto il suo funerale. Nonostante la sorpresa e il dolore per quanto accaduto, l’uomo, sofferente dei sintomi di una fastidiosa influenza, desidera andare a riposare ma apprende dai vicini di casa che la sua stanza era stata adibita in camera ardente per esporre il defunto alla visita di amici e parenti e che prima di essere utilizzata richiedeva le dovute pulizie. Impressionato, confida a un medico che va a visitarlo le sue paure ma l’uomo di scienza lo rassicura spiegandogli che i morti non devono terrorizzare e che semmai è dei vivi di cui bisogna avere paura. Diffidente e superstizioso Enrico Gargiulo resta da solo in casa e attraverso una serie d’inattese rivelazioni presto capirà che il dottore aveva perfettamente ragione.



IL REGISTA. Dal lontano 1984, anno d’esordio come regista, Mario Salieri lavora nell’industria audiovisiva d’intrattenimento per adulti e nel corso degli anni diviene un’icona mondiale del genere erotico/pornografico. Il suo inconfondibile stile coniuga narrativa ed erotismo e le sue produzioni sono realizzate con rigore, creatività e attenta cura dei dettagli. Nella seconda metà degli anni novanta, con il raggiungimento della maturità artistica, molti film di Salieri divengono autentici cult del genere e molto spesso sono associati a polemiche e scandali. Le sue indubbie capacità tecniche e artistiche si misurano anche con altri generi e recentemente il regista partenopeo si è misurato con un nuovo stile di raccontare il teatro attraverso il linguaggio televisivo. Per la prima volta nella storia dello spettacolo un regista dell’industria audiovisiva d’intrattenimento per adulti si cimenta nella direzione di un’opera teatrale con il chiaro intento di dimostrare che l’autorialità esiste anche in un genere denigrato e poco stimato dai puristi della settima arte.





UFFICIO STAMPA

 


evento segnalato su Musica e Teatro di spaghettitaliani.com


 

 


 

Mario Salieri, il maestro dell’hard si ispira a Eduardo per l’esordio nella commedia dell

















Copyright ©2019 - spaghettitaliani.com - Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale.