Buon pomeriggio anonimo - esegui il login:

Condividi

GRUPPO:
immagine in primo piano

I Sapori della Cittą

I Sapori delle Cittą italiane - seconda edizione

Categoria: Gastronomia
Numero iscritti: 75

Gestito da:

immagine in primo piano
Luigi Farina
Palermo (Palermo)
biennale@spaghettitaliani.com

Ultimi 20 iscritti

francescocicala

pinofarina

pinarosafabozzi

pasqualefranzese

mteresiballo

ristdamimi

nastrodorona

ritrovodeimille

atavernaemastaniello

ristlaconcamsna

ristburianibo

risnovabusabl

risfuocoba

ostfontebuonage

osterianumerouno

tavernadeipirgiani

shekkinah

ristorantepancapanna

ristchinappirm

ripimuchmorelaq



prodotto da:

Spaghetti Italiani - Portale di Gastronomia

Benvenuto su: I Sapori della Cittą
Ricette

torna all'elenco Ricette

Quaglie al mirto o Tordi al mirto

Ricetta inserita da pasqualefranzese

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

Antipasti - Antipasti freddi e salatini

Dosi per: 10

20 n° quaglie o tordi
sale
rami di mirto possibilmente con qualche bacca

Esecuzione:

Pulire gli uccelli dal piumaggio, possono essere cotti non sventrati, ricetta antica o puliti dalle interiora.
Nella pentola versare acqua con qualche ramo di mirto con bacche.
Quando bolle l'acqua salare ed immergere gli uccelli.
Lasciare cuocere per "30 minuti le quaglie", "tordi 40/45 minuti" a fuoco lento.
Adagiare i rami di mirto freschi su un canovaccio, mettere gli uccelli al centro sui rami di mirto e salare.
Coprire gli uccelli con rami di mirto, chiudere il tutto con il canovaccio e lasciare raffreddare.
Dopo che si raffredda il tutto, riporre in frigo per un giorno.
Servire freddi.

Regione: Sardegna

Vino:

Cantina Meloni: Le Ghiaie č un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata, Cannonau di Sardegna Riserva ottenuto da uve Cannonau in purezza.

Note:

Le quaglie al mirto o tordi al mirto, ricetta dalla tradizione sarda, molto semplice da preparare, profumata e gustosa, la ricetta tradizionale prevedeva 8 uccelli tra tordi, legati fra loro per il becco da fronde di mirto a formare una "taccula", o mazzo di grive, che veniva venduta in questa forma, l'espressione " taccula o pilloneddus" indica la preparazione in se.

il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

Commenti

per potere lasciare un commento si deve essere registrati ed effettuare il login in alto in questa pagina